mercoledì 15 luglio 2009

il seguito del seguito...



Giù al mare… il suo piccolo monolocale...
Ci arrivammo dopo una corsa fra le stradine della pineta, le piante di mirto selvatico, aromi di salvia, menta e rosmarino… nel profumo di una notte al confine con il sale.
Giocavamo come bimbi… lui che mi prendeva ed io che gli sfuggivo nella tormentata brama di averlo. Potevo leggere il desiderio nel suo sguardo… l’ansia di possedermi. Le nostre risate si fecero più lievi, in nostro affanno non si placò neppure nella profondità di un bacio che scivolava dentro. Arrivammo sulla riva , ci sedemmo sulla sabbia , ascoltammo la voce del mare, lo respirammo. Io cingevo le mie gambe sul suo bacino, i miei seni sule sue spalle. Ancora una volta fuggii la presa… di corsa verso il nido. Il tempo di varcare la soglia… Ci perdemmo in un assaggio di frutta senza mai smettere di osservarci.
Indossavo un jeans… rigorosamente scalza accesi qualche candela… dolce il rumore delle onde sulla battigia. Ci baciammo con una passione tale da sentire i sensi vibrare. Non ricordo come ci trovammo senza veli uno di fronte all’altro… avevamo smesso di correre ma non di giocare. I baci divennero ancora abissali , le sue mani si insinuavano in ogni dove… Il piacere era intenso mentre i corpi si esploravano. Ogni centimetro della mia pelle era coinvolto in un vertice nel quale ci perdemmo entrambi… si soffermò sul mio seno e adorava sentire la reazione del mio corpo. Toccai con mano le sue labbra mentre la sua lingua si insinuava dolce… Gli baciai le spalle e lo assaporai. Avvertì il mio piacere fra le gambe, come io sentii il suo… Non smetteva mai di tenermi strette le mani. Mi piaceva… fino a quando volli sentirlo parte di me. Ci unimmo in una danza frenetica ma dolce… Amava passare le sue mani fra i miei capelli, adoravo sentire crescere il suo piacere… fra le mie gambe. Si ritrasse, ci sedemmo avvinghiati. Stretti in un abbraccio forte… ancora ci esplorammo, il letto divenne un campo di battaglia… mentre ci donavamo senza riserve.
Avevamo spento i cellulari, nessuno poteva violare quella dimensione. Mi chinai sui suoi piedi piano scalai le sue gambe… assaporando la pelle salmastra. L’odore della notte ci travolse… le sue parole appena sussurrate mi penetrarono laddove godere era un imperativo voluto. Non ricordo cosa dissi… ricordo solo che con i movimenti delle mie mani lo accompagnarono in ogni dove… insieme godemmo di un sentimento che era nostro, di una passione travolgente. Sentirlo in me, faceva si che lui mi sentisse sua completamente. Spossati, ci concedemmo una tregua sulla riva, inesorabilmente finimmo in acqua... parte essenziale di entrambi, per poi ricominciare mentre piano lasciava scivolare le sue dita sul mio profilo. Movimenti sempre più audaci… il nostro sorriso nello stesso istante in cui scoppiò il piacere.
Il suo calore mentre godevamo l’attimo.
Giù al mare… il suo piccolo monolocale, fra aromi selvatici come il mirto.
Elsa

10 commenti:

Andrew ha detto...

molto bella elsa

riri ha detto...

.....magnifico confondersi..
ciao

Ishtar ha detto...

Che bello sosrre.........un abbraccione :)

paolo-falconi-lavoro.blogspot.com ha detto...

Un Sesto senso mi aveva avvertito che eri una Donna di Temperamento Caldo ...
Ti conosco appena e potresti fraintendermi, peso molto bene quello che stò per dirti ...

il Tuo Blog Trasuda Sensualità ...

e non sei mai estremamente esplicita, ma lasci intravvedere da alcuni spiragli, o tra le righe, salvo rare eccezioni... come in questo caso.
La Tua Eleganza è Magnetica.

Non ho perso la Testa...sta tranquilla, perchè ho superato gli anta, e a questa età si diventa più riflessivi, ma ... se ti avessi sotto gli occhi potrei perderla davvero!!

Ciao
Elsa

il monticiano ha detto...

Splendido. Sembrava di essere lì con te.
A me non sarebbe dispiaciuto essere lui.

Tua madre Ornella ha detto...

Elsa
passo solo per abbracciarti!!
Ornella

frank ha detto...

splendida foto e travolgenti parole: due ombre nel mare d'argento della passione.

upupa ha detto...

Che meraviglia!!!!!!!!!!
un abbraccio

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Sono quei mo9menti per i quali vale ancora la pena di vivere.
Un abbraccio.

Carlo ha detto...

Sei strega stanotte,
che avanzi
piena di vita
mostrandomi unghie
e denti di fame.
Invasione di spazio,
sibilare di vipera.
Vibrandomi attorno
cerchi il mio odore.
Mi blocchi le mani
protendi il collo,
annusi il mio viso.
Sei serpe stanotte,
movenze sinuose
lungo il mio corpo
respiri di lingua bifida,
in perenne ricerca
di fonte da bere.
Sei madre stanotte,
che mi sfiori d'orgoglio
di seni gonfi e dolci.
Sei sofferenza,
negli spazi della tua pelle,
dove più forte e sanguigno
è il pulsare.
Sei un vento caldo,
di respiri di vita,
plachi la tua fame
ancestrale
mordendo le mie labbra,
e calmi la tua sete
privandomi del mondo
che urla dentro di me.
Sei voce, violento suono,
che vola obliquo
e mi raggiunge.
Muoio in questa pioggia,
rinasco come seme...


carlo...