sabato 27 settembre 2008

una conchiglia...



Sveglia alle quattro, vedo sorgere l’alba e le rivolgo un sorriso. Mi desto dal torpore cercando conforto in una doccia, stanchezza non si lava, candeggina non funziona. Non voglio svegliarmi, non voglio alzarmi, non voglio partire… Preparo la mia borsa in cinque minuti. Colazione mentre i minuti osservano il mio da fare. Il volo parte alle sei. Indosso la formalità e monto in macchina verso l’aeroporto.
Mi attende la proposta di un nuovo incarico, già sento il peso di un'altra responsabilità. La riunione prevede un mio intervento, un timore mi assale, quello di non essere all’altezza… o forse quello di non volerlo proprio. Arrivo a destinazione, ottima l'accoglienza… Mi sento sicura ma allo stesso tempo fuori luogo. Accetto la proposta e gli auguri si perdono… non mi servono. Ho scelto per volontà non per imposizione…sento quasi fastidio. Cena formale, sorrisi che non sento…Notte in albergo, gioco con la pulsantiera del letto ma sento l’ambiente asettico…Voglia di tornare a casa.
Questa volta in nave… indosso una maglia che sa di Te e mi ritrovo da sola sul ponte…una tristezza infinita pervade la mia anima. Fortunatamente sarò in ufficio in perfetto orario…con il mio mare accanto. Penso che se mi avessero imposto qualcosa non avrei accettato… Amo il mio lavoro e non mi spaventa mettermi in gioco…
La notte è lunga…la cabina mi sta stretta, mi assalgono gli acari…esco a fare due passi lungo corridoi infiniti ma familiari. Il mio pensiero va a Te… voglia di correre a per di fiato sulla riva e sfinirmi del tutto. Osservare una stella… pensare che è bella, vederci il tuo volto. Ti scriverei sulla pelle, ma non posso. Sotto coperta…vestita solo di baci e mani oltre mare. Tribale ma vero il mio silenzio libero in attesa. Da lupa mi bagno con l’acqua nel fiume della tua piena. Da aquila parlo al vento che risponde forte…il mio maestrale. Infreddolita ti mando un bacio che sa di tutto. Porto sempre con me una conchiglia…la tengo stretta è come se ti toccassi. Sento il desiderio di baciarti ovunque…Avverto il profumo della tua passione…ricordo la promessa che ti ho fatto… Vincerò la paura del volo, come un aquila sorvolerò i deserti rocciosi…Sento piano la tua voce…mi sussurri la tua voglia di me. Sbatti le tue ali e vieni da me…irrealizzabile un sentire. Il tuo desiderio di sentirmi parlare, parlare, e parlare per poi chiudermi la bocca con la tua anarchia. Ho quasi dimenticato la levataccia del mattino precedente…mi stendo su una poltrona…tenendo stretta la mia conchiglia. Ho visto sorgere la luna...vedo nascere il sole.
Al lupo che è in Te...Ovunque.

25 commenti:

Elsa ha detto...

ps...chiedo scusa per i link ...
inesorabilmente cancellati per un mio errore da stupida. Datemi il tempo per riavermi tutti con me...
kisses
Elsa

Mosarella ha detto...

a te ti scuso tutto!!!
bella storia

ai paura al volo???

Ishtar ha detto...

Congratulazione sorre tutto meritato!
Allora buona nuova avventura ma più bella ora che sei tornata accanto al tuo mare, a proposito io mi preparo e corro da lui!
Ti abbraccio :)

riri ha detto...

mi assalgono i ricordi,mi aiuti,con il tuo "racconto",ho una conchiglia antica,l'ho portata sempre con me,ovunque andassi,lei c'era,mi parlava con il suo profumo del mare mio lontano,adesso l'ho riposta in un cassetto,ogni tanto corro ad annusarla,mi maca il mio mare,il mio più grande amore..
grazie

Elsa ha detto...

@ mosarella
...si ho paura del volo:(
preferisco nuotare :)

@ ishar
non è mai un avventura con il mare
tu lo sai meglio di me...:)

@ riri
grazie...belli i ricordi, vedi vengono fuori perchè sono in noi...
Mi spiace che ti manchi così tanto, comunque quì trovi sale ovunque ti giri...:)))

Luigina ha detto...

@ Elsa riesci sempre anche con i tuoi racconti pieni di passione a far riaffiorare intense emozioni. Davanti a me ho una parete piena di conchiglie di ogni dimensione raccolte per la maggior parte sulla riva del tuo mare e in tasca mi porto sempre un sassetto colorato da accarezzare nei miei momenti no o quando mi vien meno il coraggio di affrontare qualche difficoltà. Ha un potere magico. Commento qui anche il post di Paul Newman: un grande uomo prima ancora che un grande attore. Ieri sera ho rivisto " Lassù qualcuno mi ama"fzelbj

stella ha detto...

Mi associo a Luigina.

Elsa ha detto...

@ Luigina
sei tu che allora ci hai portato via una spiaggia?
vabbè chiudo 1000 occhi :))

Luigina ha detto...

Elsa ti giuro no!!! Quella di Budelli era già chiusa quando ci sono arrivata io. Io ho solo un sassetto colorato però ne ho fotografati tanti

Alexsandro ha detto...

Grazie per avermi linkato!!

Tu lo sei stata già da tempo!!!

veronica ha detto...

E di che? Sono stata sincera =D Grazie a te! Ho capito la tua precisazione e la rispetto.

Bellissime queste parole...mi ricordano una sensazione che sto vivendo ora.

lucegrigia ha detto...

le conchiglie se le porti all'orecchio ti fanno sentire il mare e a volte nel loro interno nascondo dei tesori e la tua conchiglia mi dona serenità e speranza. vorrei spedirti una cosa che ho fatto da poco, se vuoi contattami per email. Un grazie dal montanaro che sogna il mare.

holden ha detto...

Quando scrivi cosi bene devo dirtelo:complimenti.
Quando si scrive con l'anima, vuol dire che dentro di sè c'è un sentimento forte.ciao buona serata

wilson ha detto...

Pss...gli acari sono i miei, sono anni che li allevo.

:O)

Ishtar ha detto...

Sorre da me un omaggio assai gradito a te, buona giornata baci :)

Jasna ha detto...

sei mitica! ... ciao elsa.

Maurizio ha detto...

Hai paura del volo... ma riesci a planare nel mio angolo virtuale... sempre in modo delicato... e mai invadente... lo penso ancora: la tua dimensione è l'acqua... ma sei in grado di raggiungere anche l'aria senza nessuna difficoltà...
A presto...

streghetta ha detto...

Cara Elsa.:) anch'io ho una grande paura di volare, non so perché, ma mi sento più al sicuro facendomi cullare dal mare. Come sempre, bellissime parole, ma non starài diventando troppo brava.:-)Troppa concorrenza.:-):-).:).

Elsa ha detto...

nessuna concorrenza...sei Tu la scrittrice non io :)))

riri ha detto...

Ciao Elsa,sì,il mare mi manca da morire,però mi consolo con i filmati e perchè no... i ricordi.
Un carissimo saluto

silvano ha detto...

Uh molto personale, per cui il contenuto non lo commento, ma la forma sì. E' scritto veramente benissimo.
ciao, silvano.

Pellescura ha detto...

Elsa, mi sembri ispirata, sono contento per te.:-)

Luca ha detto...

.................

Elsa ha detto...

luca cosa sono tutti quei puntini???

articolo21 ha detto...

Bellissimo racconto di un'emozione interiore intensa. Da LUpo, poi, sono molto onorato di tutto ciò ahah