venerdì 25 aprile 2008

A cena da me

25 Aprile da qualche anno a questa parte...Rachele oggi non lavora...è festa anche per lei.


L'ho invitata a cena da me...pregandola di portarsi dietro due pizze...io in cucina non distinguo un coltello da una forchetta...si mangia con le mani e la birrà aspetta noi! Rachele arriva...mi saluta con un sorriso serafico...penso che si sia fumata una canna!!! Io la saluto con enfasi, dovevo farmi perdonare per l'altra sera, quando ho inventato mille scuse per non vederla...il mio saluto è sincero...divoriamo le pizze e la birra va giù che è una meraviglia...A piedi nudi sul mio tappeto...cerco di discuttere con Rachele il significato di questo anniversario...lei si guarda i piedi...io penso che il mio tappeto non le piace...(poco male!) Lei mi dice...cara Elsa...i pensieri sono perle false finchè non si trasformano in azioni, sii il cambiamento che vuoi vedere avvenire nel mondo...Ho pensato ai fumi della canna !!! Parlava usando le parole del Mahatma...condivido questo pensiero...mentre Rachele andava via...ho pensato che forse poteva essere la fine o l'inizio di una danza...

Ps: la mia amica non fuma neppure una sigaretta...io si!

9 commenti:

Anonimo ha detto...

Ma quando devi dire tappetto (di una bottiglia), dici tappeto, invece?
Aioò..

Elsa ha detto...

ops..........errore!
sono sarda!!!
doppie ovunque.

Cesco ha detto...

Suvvia, da quando leggo questo blog è il primo errore di ortografia che vedo, quindi non mi sembra grave.
Un altro capitolo interessante della serie.
P.S. spero non ti abbia infastidito lo scambio di opinioni nel post precedente. :-)

Nella ha detto...

Ciao Elsa, buon fine settimana
=DD
Baci

ISHTAR ha detto...

Cioa sorella, fregatene io di errori ne faccio a bizzeffe tanto c'è chi gentilmente me li fa notare, tra un pò di sbadataggine e di ignoranza il coocktel è fatto!
Quindi ieri seratina tra amiche io sono stata in un agriturismo, poco distante dalla zona in cui vivo il luogo era veramente uno spettacolo per gli occhi verde prato alberi di ulivo appezzamento di terra tutto interamente coltivato che vedendolo dicevo: che meraviglia agricoltura biologica, vedo coltivato quello di cui andrò a cibarmi, anche la costruzione era gradevole in stile campidanese, non troppo sfarzoso, ma poi si inizia a mangiare:
le cose sono due o ci hanno scambiato per stranieri che non conoscono le prelibatezze del luogo o come ristoratori fanno pena!
Sconsiglio di tornarci, in compenso ne ho profittato per raccogliere delle firme su un documento a cui io ho aderito per prima.
Che dire ci abbiamo fatto una croce sopra!
Buon fine settimana cara sorella

Luca ha detto...

beh, quando vedrò un sorriso serafico su qualcuno che so io penserò che si è appena fumato una canna...." gli dirò: "Tu!! Brutto serafico che non sei altro, è vero che hai proposto una fumatina senza nemmeno offrire?"...
saluti a rachele..

Anonimo ha detto...

C'è anche "discuttere" :)
Ogni tanto becco qualche errorino, scusami ma anch'io (come l'anonimo sopra) sono una maestrina. Ciò che conta comunque sono i contenuti.
Maria

Elsa ha detto...

Gentili maestri...
grazie siete molto gentili...
a dir la verità ci si rimane male,
anche perchè scrivo quando mi sento illuminata e molto di fretta...
Per la Maestra...Il Manzoni andava in giro con il vocabolario, dovrò farlo anche io?
non ci penso proprio........
sono quì e non a scuola!
Perfettibile sempre..............
ps Il contenuto non vi è paciuto visto che avete visto solo gli errori????? questo mi dispiace sul serio.

Marketing e Formazione ha detto...

Ciao Elsa, stai bene? Ho provato a postare una mia impressione ieri, ma non ci son riuscito. Che blogger...
Dicevo del fatto che viene istintivo correggere gli errori, di battitura o di grammatica che siano, mentre io trovo che rendano il blog più autentico e sincero. Spesso non correggo neanche i miei commenti proprio perchè mi piace siano sinceri e spontanei, scritti di getto.
Sul contenuto, dice bene il Mahatma, per bocca della tua amica. I pensieri sono perle false finchè non si tramutano in azioni (ed anche parlare è un’azione…). Sii il cambiamento che vuoi… altro che fumi, Elsa, altro che fumi.