venerdì 20 giugno 2008



" Le colline sono la nostra chiesa. i fiumi il vento, gli alberi e tutte le cose viventi sono la nostra bibbia. la natura è Dio e Dio è la natura, tutta la nostra religione deriva dalla contemplazione di queste cose. "
In dono le parole di un Capo Tribù.

Oggi che nel mio paese un bimbo clandestino con o senza genitori verrà ospitato in uno dei famosi centri di permanenza, senza neppure l'assistenza di un tutore...
Oggi che nel mio paese una nuova legge blocca i processi per un anno...si dice per dare priorità a quelli più gravi...
Oggi che nel mio paese uno stupro non sarà un reato grave...
Oggi che nel mio paese anche un rapìmento non sarà un reato grave...
Oggi che nel mio paese i militari ...
Oggi che nel mio paese l'iprocrisia regna sovrana degna compagna dell'indifferenza dei più...
Oggi che sulla mia isola il sole è spendido e il mare è un incanto...
farei la danza della pioggia sulla riva per poi lanciarmi in acqua alla velocità di una freccia!

21 commenti:

Cesco ha detto...

Ciao Elsa, riguardo gli argomenti che tratti in questo post, ho troppa tristezza per riuscire a commentare. Troppa rabbia nel vedere le piazze piena di gente vuota che non riesce ad avere un pò di comprensione per queste persone, che sfuggono a un dramma nel loro paese e si ritrovano in un altro dramma con l'incubo di venire rimandati all'inferno.

silvano ha detto...

Riflusso.

Elsa ha detto...

lo so ....ma credimi io non riesco a tacere.
mi sentirei meschina ...non faccio parte di quella massa.
Che si fottano prima o poi è sicuro....ma che non pensino do fottere NOI.

silvano ha detto...

...non vorrei essere stato frainteso. Io sono con te e solidale con il tuo post. Non capisco perchè dovresti startene zitta...no non capisco. Cosa pensi che volessi dire con riflusso?

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Siamo noi un Paese allo sbando, più di quei barconi che arrivano dal mare.

Un governo ipocrita che da un lato manda l'esercito per soddisfare le ire del popolino accalappiato dalle panzane del Cavaliere, e dall'altro di fatto "cancella" reati gravi che vengono spazzati via.

Che senso ha infatti catturare i cattivi se poi non li puoi processare?

PS: arrivo dal blog di Michele Giordano "Il linguaggio e i suoi sentieri" e trovo, come ti ho già scritto sul tuo post bellissimo che hai come ultimo in homepage, il tuo blog stupendo. Lucida intensità e sensibilità fuori dal comune, questo trasuda dai tuoi post.

Verrò ancora a leggerti sperando di non fare cosa sgradita.

Ciao
Daniele

Fracisco Pizarro ha detto...

ciao Elsa e come dice cesare:
"domani sarà un giorno migliore, vedrai"

PrincessHope.. ha detto...

"Oggi che nel mio paese l'iprocrisia regna sovrana degna compagna dell'indifferenza dei più..."...Non dobbiamo tacere..assolutamente NO!dovremmo solo gridare...

Fracisco Pizarro ha detto...

dispiace ho dimenticato qualcosa; Silvanno che vuole dire con "Riflusso"

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

ERRATA CORRIGE: I'altro post è "Ovunque tu sia"

Scusa.
Daniele

Elsa ha detto...

Riflusso:
atteggiamento culturale di gran parte della società che, probabilmente stanca e delusa di un impegno eccessivo a livello ideologico-politico, tende a ricuperare interessi particolari e privati, appellandosi ad alcuni valori della tradizione e del passato, per qualche tempo dimenticati o addirittura avversati.
Da Elsa.

silvano ha detto...

...stanca e delusa di un impegno eccessivo a livello ideologico-politico, tende a ricuperare interessi particolari e privat>: Oggi che sulla mia isola il sole è spendido e il mare è un incanto...
farei la danza della pioggia sulla riva per poi lanciarmi in acqua alla velocità di una freccia!

P.S. sapevo che ne conoscevi il significato. E' che non riuscivo a capire la giustificazione sul mio blog. Non era una critica. Ce lo dobbiamo concedere un po' di riflusso. Non possiamo farci sfiancare dalla rabbia, sempre. Per arrivare fino in cima alla montagna bisogna anche sapersi fermare e riprendere fiato. Curarsi. Era un semplice riscontro: nauseata dalla follia della nostra società ragisci da una parte con rabbia e dall'altra con una fuga dalla realtà. Se poi come nel tuo caso il mare limpido in cui tuffarsi come una freccia è reale, fortunata te.
ciao Elsa, con affetto. silvano.

stella ha detto...

Elsa piena solidarietà.I tuoi versi spezzano l'anima!

silvano ha detto...

Elsa il tuo mare quando vuoi! I'm coming!!!!!!!
ciao, buonanotte.

silvano ha detto...

Mi ha fatto molto piacere il commento che hai lasciato su i visionari.
grazie.

P.S. ti volevo chiedere una cortesia, se possibile, potresti mettere sul tuo blog il link al mio 31canzoni. Se son troppi due link, togli pure ivisionari. Ha pochi visitatori ma sono affezionati.

ciao e ancora buonanotte.

streghetta ha detto...

Mi fa pensare molto il fatto dei militari in strada. Staremo, forse, tornando ai tempi bui? Va bene la sicurezza, ma militarizzare una città, mi sembra eccessivo. Notte cara Elsa.

Luca ha detto...

Molto belle le parole di questo capo tribù..ogni volta che mi addentro in questa cultura che descrivi rimango sempre deliziato..
per il resto..no comment..

P.S: Tra questo post e i commenti oggi mi sembri molto determinata e risoluta...Sai, il modo in cui passi dalla poesia ai temi importanti non mi delude mai..adoro inoltre la tua schiettezza e la forza che traspare dai tuoi commenti che leggo qui...wow...
ciao cara
Luca

Matteo L. ha detto...

Complimenti per la sensibilità che dimostri scrivendo queste parole. Ti ho scoperto solo ora, ti andrebbe di fare scambio link? Grazie e complimenti ancora

Fracisco Pizarro ha detto...

grazie brava Elsa per tradurre saluti.

holden ha detto...

Cara Elsa..non sei sola..nn fare la danza della pioggia..ha piovuto troppo da me..vai al mare tu che puoi..col sale sulle labbra sorridi..perchè ora comincia la risalita--ciao un abbraccio

lucegrigia ha detto...

Il tao insegna e continua a essere il mio silente profusore di certezze. Siamo parte di un puzzle più grande di quanto possiamo immaginare. Iniziamo a cambiare il nostro mondo e tutto lentamente, come in un matrix, cambierà intorno a noi. Costanza, fiducia, sacralità!